trimalchione-11

 

Fig.1: Stele ad edicola di Euklea con scena di banchetto, da Smirne e databile al I a.C. - I d.C. (Museo Maffeiano, Inv. 28663, CIG II 3316 - Ritti 66)

 

trimalchione-5

 

Fig.2: Urna cineraria etrusca in Alabastro da Volterra risalente al II secolo a.C. con scena di banchetto (Museo Maffeiano, Inv. 28727, Modonesi 9)

 

trimalchione-19

 

Fig.3: Frammento di stele rinvenuta vicino al Ponte della Pietra
e conservata al Museo Maffeiano; nell'architrave rilievo con scena di banchetto
( Inv. 28286; CIL V, 3686: Octaviae / C(ai) f(iliae) / Exorata[e] / ------)

 

trimalchione-29

 

Fig. 4: Stele funeraria conservata al Museo Maffeiano (Inv. 28157; CIL V, 3776):
V(iva) f(ecit) / Thoria L(uci) f(ilia) / Severa / sibi et M(arco) Ennio / M(arci) f(ilio)
viro suo / et Baebiae L(uci) f(iliae) Collinae) / fIliae meae / h(eredes) Primo / viro suo / et Baebiae L(uci) f(iliae) Collinae) / fIliae meae / h(eredes)

trimalchione-31

Figg. 5 e 6: due monumenti di provenienza veronese conservati presso il Teatro romano:
in quello di sinistra l'espressione testamento fieri iussit è scolpita per esteso:
Q(uintus) Tullius Q(uinti) f(ilius) / Pub(lilia tribu) Macer / testamento fieri / iussit.
Nella stele di destra (CIL V, 3523) la medesima formula compare in forma abbreviata
attraverso la sigla TFI : C(aius) Caecilius / M(arci) f(ilius) Pob(lilia tribu)
/ Montanus / sibi / t(estamento) f(ieri) i(ussit)

trimalchione-32
trimalchione-34

Fig. 7: veduta dell'Appia antica (http://www.romasegreta.it/appia_antica.html)

trimalchione-35

Fig. 8: Ricostruzione grafica della via Amerina presso Regium Lepidi: ai lati della strada, aree sepolcrali, di diverse dimensioni, variamente allestite su cui insistono monumenti di varia tipologia.
(fonte: http://www.gruppiarcheologici.org/attivita/didattica_soci/Dispense/3/
tipologie_monumenti_funerari_Roma_Antica.pdf
)

trimalchione-36

Fig.9: il corpo cilindrico della tomba di Cecilia Metella sulla via Appia, nel terzo miglio. (http://www.romasegreta.it/tomba_cecilia_metella.html)

trimalchione-22

Fig.10: ricostruzione della facciata del sepolcro degli Scipioni sulla Appia (http://www.liceoberchet.it/ricerche/romavf/sepolcro_scipioni.htm)

trimalchione-33

Fig.11 la necropoli pompeiana fuori porta Nocera

(fonte http://www.pompeiisites.org/Mediagallery.jsp?idGalleria=3&idFilmato=93)

 

trimalchione-37

Fig.12 localizzazione delle tre principali necropoli di Verona romana (elaborazione da Lanfranco Franzoni, Verona. Testimonianze archeologiche, Verona 1965): nella zona del quartiere di San Zeno, lungo la via Gallica; a San Nazaro, lungo la via Postumia; nella zona della SS. Trinità, nei pressi della Claudia Augusta.

trimalchione-39

Figg. 13-14 cippi di area sepolcrale oggi al Lapidario Maffeiano: sopra CIL V, 3853 (Inv. 28362: in f(ronte) p(edes) (duodecim) in a(grum) p(edes) (quindecim); sotto da Aquileia, ma conservata al Maffeiano, CIL V, 1473 (Inv. 28396) : L(ocus) m(onumenti) / E(---) Sex(ti) l(iberti) H(---) / in f(ronte) p(edes) XIIX / in a(grum) p(edes) XXXII.

trimalchione-40
trimalchione-41

Fig. 15: lastra con maledizione per il profanatore di tomba conservata presso il Museo Archeologico (PAIS 633) : Stercus intra / cippos / qui fecerit / aut violarit nei / luminibus fruatur

trimalchione-1

Figg. 16 e 17 statue funerarie da Pompei, fuori porta di Ercolano: sopra uomini togati e matrone, sotto un militare
(fonte:http://www.pompeiisites.org/Mediagallery.jsp?idGalleria=3&idFilmato=59)

trimalchione-2
trimalchione-3

Fig. 18: i tre cippi della gens Sertoria collocati nel pronao del Museo Maffeiano: a sx CIL V 3374 (inv. 28170), al centro CIL V 3747 (inv. 28162), a dx CIL V, 3375 (inv. 28161). Da Cellore d'Illasi, I d.C

trimalchione-4

Fig. 19 : i cippi dei fratelli Sertorii in una riproduzione che consente una facile lettura delle immagini (con particolare riferimento alla divisa militare indossata) e dei testi epigrafici: CIL V 3374 : Q(uintus) Sertorius / L(uci) f(ilius) Pob(lilia tribu) Festus / centur(io) leg(ionis) (undecimae) / Claudiae Piae / Fidelis; CIL V, 3375: L(ucius) Sertorius L(uci) f(ilius) / Pob(lilia tribu) Firmus / signif(er) aquil(ifer) leg(ionis) (undecimae) / Claud(iae) Piae Fidelis / missus curat(or) veter(anorum) / leg(ionis) eiusdem / Domitiae L(uci) f(iliae) / Priscae uxori

trimalchione-7

Figg. 20 e 21: al Maffeiano, monumenti con busto singolo maschile (CIL V, 2629, inv. 28417) da Este : L(ucius) Flavianus / M(arci) libertus) / Adrastus) e femminile (CIL XI, 111, inv. 28368, da Ravenna: Ulcia M(arci) l(iberta) Glap(h)yr(a) / ob meritis eius / posuerunt T(itus) Alfius / Labeo et Murcius / Zanatis f(ilii) et suavis / d<e=I> liburna Diana)

trimalchione-8
trimalchione-9

Fig. 22 Ancora conservato al Lapidario Maffeiano, monumento con coppia di busti, da Padova (CIL V, 2882, inv. 28428 : Graeco doct(---) bass(---) Timotei / M(arci) Arri Zethi l(iberti) / Primi stratoris / vi(vus) fecit.

trimalchione-10

Fig.23 Monumento dei Cluttii (CIL V, 3570, inv. 28268): V(ivus) f(ecit) / M(arcus) Cluttius P(ubli) f(ilius) Pob(lilia tribu) / sibi et suis / Pacilla M(arci) f(ilia) Vassilla uxor / P(ublio) Clutio Virio / patri/ Caeliai Maximai / matri/ Cluttiai P(ubli) f(ilia) Tertiai / sorori

trimalchione-12

Fig. 24 : stele sepolcrale di Zosimos, di origine incerta (forse Cizico), del II sec. d.C.; ai piedi del defunto è accovacciato un cane (CIG IV, 6937, Ritti 81, inv. 28678)

trimalchione-13

Fig. 25 Lastre in pietra rossa di Verona dal monumento funebre di Marco Viriatio Zosimo (CIL V, 3842, inv. 28153) conservato nel pronao del Museo Maffeiano e proveniente dalla necropoli di San Zeno . Sulla lastra di dx, rappresentazione del defunto in viaggio su un carro trainato da un cavallo, presso il quale corre un cane.

trimalchione-15

Figg. 26 e 27: Ara funeraria conservata al Museo Maffeiano :CIL V 3403, inv. 28241: D(is) M(anibus) / P(ublio) Hostilio P(ubli) f(ilio) Pob(lilia) / Campano venatori / P(ublius) Hostilius Tertinus de/curio Veron(ae) et Abidia / Maxima parentes fil(io) / piissim(o) et sibi qui vix(i)t / ann(os) XXV d(ies) XXV sine cri/mine vitae florentes / annos mors ipsa eri/puit vivite felices / moneo mors omnib(us) / instat exsemplum(!) / a nobis discite qui / legitis). Ai lati destro e sinistro rilievi di caccia riferibili all'attività gladiatoria delle venationes

trimalchione-16
trimalchione-17

Fig. 28 Stele funeraria di Marcello, da Cizico, risalente al II d.C. e conservata al Maffeiano: in alto scena di banchetto, sotto navicella in viaggio che allude all'attività mercantile del defunto (CIG IV, 6858, Ritti 78, inv. 28675)

trimalchione-18

Fig. 29: Stele funebre conservata al Museo Archeologico Nazionale di Ravenna (CIL XI, 139 P(ublius) Longidienus P(ubli) f(ilius) Cam(ilia) / faber navalis se vivo constit/uit et Longidienae P(ubli) l(ibertae) Stactini // P(ublius) Longidienus P(ubli) l(ibertus) Rufio / P(ublius) Longidienus P(ubli) l(ibertus) P(h)iladespotus / inpensam patrono dederunt // P(ublius) Longidienus / P(ubli) f(ilius) ad onus / properat

trimalchione-21

Figg. 30-31: due rilievi con scene di viaggio nell'Aldilà: sopra, stele paleoveneta da Padova risalente al IV-III sec. a.C. (Modonesi 35, inv. 28739); sotto, urna etrusca in alabastro da Volterra della prima metà del I sec. a.C.; sulla fronte della cassa, viaggio nell'oltretomba in carpento

trimalchione-23
trimalchione-24

Fig. 32: il sepolcro di Eurisace: CIL VI, 1958: Est hoc monimentum Marcei Virgilei Eurysacis pistoris, redemptoris. apparit(oris). Fotografia e ricostruzione sono tratti da http://it.wikipedia.org/wiki/File:P.Maggiore_Tomb.JPG)

trimalchione-25

Fig. 33: Stele funeraria rinvenuta a San Michele e risalente al I sec. d.C. di Caio Ficario , di professione fruttivendolo come si evince dal rilievo eseguito nella porzione superiore del rilievo (uomo seduto sulla stanga di un carretto che regge una stadera e pesa della merce); nella parte centrale raffigurazione di Erote con fiaccola rivolta verso il basso. CIL V, 3608, inv. 28356: C(aius) Ficarius / H(oc) m(onumentum) h(eredes) [n(on) s(equetur)]

trimalchione-26

Fig. 34 e 35: Due monumenti funerari veronesi conservati al Lapidario Maffeiano, entrambi con rilievo di sella curule, simbolo della dignità di seviro augustale. Nella raffigurazione primo monumento, nel podio su cui poggia la sedia, sono rappresentati gli arnesi del lavoro del defunto (una livella, una sega, una squadra e un compasso), che lo qualificano come architetto, probabilmente. Nel monumento a destra, invece, il seggio dignitario è decorato con rappresentazione di strumenti propri della funzione sacerdotale (coltello, piatto, vaso, aspersorio)

trimalchione-27
trimalchione-28

Sotto fig. 36: monumento funerario da Brescia con scena di congiarium. CIL V, 4482: M(arcus) [Va]le[r]i[us] M(arci) L(uci) P(ubli) (mulieris) l(ibertus) / Anteros Asiaticus, (se)vir / sibi et Valeriae (mulieris) l(ibertae) Trypherae / uxori, et Phileto liberto