Messedaglia v.s. Marconi (37-35)

La più combattuta delle tre partite comincia alle 08:30, coach Pasti si raccomanda di puntare sulla difesa. Al fischio d’inizio la situazione è equilibrata, buona performance di Borgese sui rimbalzi e negli scambi con Bianchi. La difesa, però, fatica a contrastare il gioco del Marconi e il quarto termina 7-8.

Nel secondo periodo il Messedaglia rimonta e va in vantaggio. Pasti fa entrare Bianchi per Argenta che si è distinto nella difesa. Bel momento di sportività quando Russo viene rialzato da due giocatori del Marconi dopo un contrasto. Si torna in panchina sul 19-16. Nell’intervallo il coach invita ad andare di fisico, ma è generalmente soddisfatto della squadra: c’è una buona intesa e la difesa è accettabile.

Nel terzo periodo è Russo a rompere il ghiaccio, la palla gira molto bene e in campo si vedono fantasia e creatività. Il Messedaglia è sopra di 9 punti. Buon uso del perno sotto canestro di Argenta che mette due canestri di seguito. Dopo il coast to coast del numero 6 avversario, però, sfuma il massimo vantaggio e il Marconi recupera finendo il quarto 29-24.

Nell’ultimo periodo Pasti schiera Bianchi, Borgese, Russo, Oselin e Bressan. Gli avversari recuperano, siamo 29-30. Dopo il time-out chiamato dal coach la squadra torna in lieve vantaggio, ma resta comunque in difficoltà: moltissimi tiri non entrano. I contrasti sotto canestro sono molto fisici. Grazie alla tripla di Borgese e al tiro libero di Russo, a tre secondi dalla fine, il punteggio è 37-32. Gli avversari mettono una tripla e la partita finisce 37-35.

Titolari:

Ladel Eleonora (1); Benetti Marta (3); Russo Filippo (7); Oselin Pietro (8); Borgese Davide (10);  Bianchi Matteo (23); Fattori Rocco (32); Argenta Federico (35); Bressan Marco (55); Ranelli Francesco (11).

Migliore in campo Russo con 9 punti.

Messedaglia v.s. Salesiano San Zeno (62-47)

Bella prova del Messedaglia, che inizia la partita in maniera scoppiettante:  è dominio della squadra di casa nel primo tempo, che si chiude sul punteggio di 24-6, massimo vantaggio in gara. Da segnalare in questo primo quarto una fitta rete di passaggi e buone iniziative personali, specialmente di Bianchi e Fattori da parte dei giocatori del Messedaglia. Il secondo quarto si riapre invece con una scena totalmente diversa. Il Salesiano San Zeno torna a farsi sentire, sfruttando al meglio alcune disattenzioni dei ragazzi del coach Pasti, che si vede costretto a chiamare un timeout per cercare di mettere una pezza. La squadra si riprende, ma il punteggio mette in luce un parziale pesante nei confronti del Messedaglia, di ben 11-19 in favore della squadra fuori casa, chiudendo il quarto sul punteggio di 33-23.

Nel terzo quarto continua il black-out della squadra detentrice del titolo, che chiama un time-out per ridefinire l’attacco, colpevole di essere stato poco concreto nei rimbalzi. In questa fase l’attacco viene trascinato da Rossi, che in pochi secondi sigla 4 punti, e 6 di Antonini. Durante il terzo quarto succede anche uno spiacevole inconveniente tra le file del Messedaglia, in quanto uno dei migliori in campo, Zanconte cade male ed è costretto ad usire pochi minuti dopo infortunato. Terzo quarto che si chiude sul 50-34.

Nell’ultimo quarto i giocatori rallentano il ritmo, che è rimasto molto alto per i primi tre quarti. Da segnalare la buona serie personale di Galvagni, che in poco più di un minuto sigla 8 punti, la serie sarebbe potuta continuare, ma sfortunatamente un infortunio lo costringe ad abbandonare il campo. Risultato finale che si attesta sul 62-47

Titolari: Fattori 32, Antonini 7, Zampar 3,  Oselin 8, Rossi 10, Zanconte 11, Bianchi 23, Canton 35, Galvagni 55.

Fracastoro v.s. Messedaglia (36-47)

Partita che ha il sapore di un derby questa tra le due rivali storiche, che si erano affrontate anche l’anno prima al palazzetto Agsm in occasione della finale di torneo 2016, da cui ne era uscita vincitrice la squadra del Messedaglia in un finale al cardiopalma.

Nessuno è disposto a cedere nulla dunque, e si capisce subito dal ritmo altissimo tenuto da entrambe le formazioni per tutta la partita.

Il primo quarto è in equilibrio, infatti nessuna delle due formazioni riesce ad emergere, merito delle due ottime difese, infatti il punteggio del primo quarto vede appena 22 punti totali, 12-10 per la formazione di casa. In questo quarto il coach Pasti invita i suoi giocatori a non sfruttare eccessivamente il tiro da fuori, preferendo piuttosto la penetrazione a centro area.

Il secondo quarto si riapre nel segno della fisicità, infatti qualche scontro un po’ esuberante e qualche screzio tra le due squadre fanno infiammare le due panchine. Sul punteggio di 20-12 coach Pasti chiama un time-out, dopo il quale risultano fondamentali per il Messedaglia i contropiedi di Canton, Russo e i tiri di Bianchi. Il secondo quarto si conclude sul 20-18.

Il terzo quarto vede invece il ribaltamento del punteggio in favore della squadra fuori casa, che passa in vantaggio per la prima volta con il punteggio di 25-28. il vantaggio non è però duraturo, in quanto il quarto termina sul 34-32.

L’ultimo e fondamentale quarto si apre con una tripla messa a segno da Bianchi. Dopo di che la partita sembra in discesa per il Messedaglia, che mette a segno punti pesanti grazie a iniziative personali di Borgese, Russo, Argenta e Canton. Alla fine il punteggio è di 36-47 per la squadra fuori casa, anche se l’ampio vantaggio non rende bene l’idea della tensione che si respirava in campo fino a pochi istanti dalla campana finale.

Titolari: Argenta 35, Borgese 55, Russo 7, Viviani 3, Ladel 1, Bianchi 23, Canton 11, Fattori 32, Rossi 10, Oselin 8.